Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Fondo Alfonso Modonesi [IN LAVORAZIONE]

folder_open
Fondo
descrizione soggetto
Gli scatti, realizzati da Alfonso Modonesi tra il 1963 e il 2016, sono frutto di un'attenta indagine storica e culturale del mondo occidentale di fine e inizio Millennio. Lo sguardo dell'Autore si fa testimone di una realtà in divenire, cogliendo le sfumature dei continui cambiamenti sia a livello architettonico e territoriale che sociale. Il materiale archivistico è suddiviso in diverse serie e servizi fotografici in base al tema affrontato. Tra i suoi reportage più rilevanti e conosciuti a livello internazionale troviamo nel Suo archivio: l'Autunno di Praga, realizzato insieme a Carlo Leidi nel 1968; l'attività del cardiochirurgo Gaetano Azzolina sui cosiddetti "bambini blu"; la vita di clausura delle suore di Santa Grata a Bergamo; l'apertura della stagione del Teatro alla Scala nel 1968; l'inaugurazione del Seminario Vescovile di Bergamo.
Frutto di un lavoro pluridecennale, spicca la serie dedicata a Bergamo e ai suoi abitanti, con particolare riguardo al borgo antico di Città Alta.
indicazioni sull'oggetto
I negativi e le diapositive sono pervenuti in museo in parte conservati in faldoni ad anelli e in parte in 4 cassettiere Olivetti. La parte raccolta nei faldoni si presentava molto ordinata, quella nelle cassettiere è stata fatta oggetto di un'ulteriore revisione alla presenza dell'Autore, per stabilire con maggiore precisione i dati attinenti ad ogni fototipo.
Per la selezione degli scatti da digitalizzare e successivamente catalogare si è deciso di attenersi alla selezione originaria di Alfonso Modonesi stesso, fatta eccezione per alcuni servizi fotografici di cui, in relazione alla vocazione storica del Museo, si è valutata la possibilità di acquisire digitalmente il complesso nella sua interezza.
La catalogazione ha riguardato solamente parte dei negativi prodotti da Modonesi nel corso della sua attività. Le pellicole di negativi sono state condizionate con buste idonee alla conservazione e la catalogazione si è concentrata solo su alcuni servizi fotografici o serie individuate dal personale del Museo. Dal punto di vista catalografico è stata rispettata la struttura originaria del fondo creando schede serie o servizio fotografico corrispondenti alle cartelline cartacee marroni nelle quali erano stati raggruppati per tema i negativi e i provini prodotti dal fotografo.
Si segnala che l'archivio di Alfonso Modonesi è stato in passato oggetto di riordino da parte di un archivista incaricato dallo stesso fotografo. Sebbene siano state riscontrate alcune incongruenze tra il titolo assegnato alle cartelline cartacee e il contenuto delle cartelline stesse, si è mantenuta l'organizzazione delle serie e dei servizi fotografici così come sono pervenuti al Museo, segnalando eventuali discrepanze nelle schede catalografiche.
Ad eccezione di pochi casi, di tutti i negativi realizzati del fotografo esiste il corrispondente foglio di provino sul quale è possibile rinvenire annotazioni del fotografo in merito all'anno dello scatto, il luogo o il soggetto ritratto, oltre ad indicazioni di selezione dei fotogrammi.
Tutte le schede catalografiche sono state basate sulla normativa vigente e compilate secondo criteri concordati con i responsabili del Museo. In particolare:
- nelle schede serie o servizio fotografico il "Titolo proprio" corrisponde alla titolazione assegnata da Alfonso Modonesi (o dall'archivista che ha lavorato per il fotografo) alle cartelline cartacee marroni, mentre al "Titolo attribuito" corrisponde un titolo elaborato dal catalogatore;
- le schede delle singole foto non recano il "Titolo proprio" in quanto le annotazioni presenti sui fogli di provino sono state intese come note di lavoro del fotografo e pertanto sono state trascritte nel campo "Iscrizioni" della scheda. Il "Titolo attribuito" alle singole foto corrisponde ad un titolo elaborato dal catalogatore;
- per la datazione delle serie, dei servizi e dei singoli scatti si è tenuto conto delle indicazioni presenti sui fogli di provino, delle comunicazioni dell'Autore oppure, in alternativa, di elementi riscontrabili nelle fotografie.
notizie storico critiche
Il complesso fotografico, archivio personale di Alfonso Modonesi, è stato depositato in Museo per volontà dell'Autore stesso nel 2018. Il materiale conservato è databile dal 1963 al 2016.
Alfonso Modonesi inizia la propria carriera di fotografo nei primi anni Sessanta, dopo l'incontro con Pepi Merisio e Carlo Leidi al Fotoclub Bergamo. Nel 1964 e nel 1965 vince il primo premio per fotoreportage a Fermo. In qualità di libero professionista lavora per "L'Europeo" e collabora con l'agenzia Black Star America.
Riconosciuto a livello internazionale, partecipa a esposizioni mondiali di fotografia nel 1968, 1970, 1972, 1976.
Pubblica numerosi libri, collaborando con Rizzoli Press, Touring Club Italiano, come consulente editoriale per la Banca Popolare di Bergamo, di Ancona e di Macerata.
Tra le sue pubblicazioni per l'ambito locale vanno ricordato i volumi: "Bergamo. Una città e il suo fascino" (1977); "Chelò! La Valle Imagna prima della grande trasformazione" (2001) e "Fogliò. Otto storie e una città. Bergamo, 1960-1970" (2002).

Info

event
Materiale datato al 1963 - 2016
category
materiale vario

in questa sezione

folder_open

Fondo Alfonso Modonesi [IN LAVORAZIONE]

Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Servizio Fotografico
info
keyboard_arrow_down
Servizio Fotografico
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Servizio Fotografico
info
keyboard_arrow_down
Servizio Fotografico
info
keyboard_arrow_down
Servizio Fotografico
info
keyboard_arrow_down
Servizio Fotografico
info
keyboard_arrow_down
Servizio Fotografico
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Servizio Fotografico
info
keyboard_arrow_down
Servizio Fotografico
info
keyboard_arrow_down

E altre 9 schede

Mostra altre schede
crop_original

immagini

Storie d'archivio collegate

La fotografia bergamasca e i suoi pionieri: lo studio fotografico Taramelli

assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
Nel 1870 l’Esposizione Provinciale Bergamasca sceglie di esporre per la prima volta, accanto ai “Lavori di pittura, di scultura, di plastica, di architettura, di incisione, disegni d’ogni genere” e agli “Intagli in legno, tarsie”, alcuni “Lavori fotografici” allestiti in una sezione...
Approfondisci

I fotoracconti di Alfonso Modonesi

assignment_returned
Fondo Alfonso Modonesi
Gli scatti di Modonesi, già a partire dalla metà degli anni ’60, rivelano un linguaggio espressivo ben definito, seppur per un ragazzo allora solo ventenne. È il realismo italiano a condizionare le scelte fotografiche di Alfonso, ispirate dal grande reportage americano ed europeo di personalità...
Approfondisci

Il successo delle immagini stereoscopiche

assignment_returned
Fondo Fausto Asperti
assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
A cavallo tra Ottocento e Novecentole le fotografie stereoscopiche di celebri personaggi, panorami e monumenti di paesi lontani divengono una vera e propria moda che alimenta una fiorente industria di settore. Il suggestivo effetto di rilievo e profondità suggerito da queste immagini, se osservate attraverso...
Approfondisci

La nuova Gerusalemme di tufo vulcanico

assignment_returned
Fondo Fausto Asperti
In Etiopia, a metà strada tra la capitale Addis Abeba e Asmara, sorge la “nuova Gerusalemme”: Lalibela, patrimonio UNESCO dal 1978. Città sacra per gli etiopi, seconda solo ad Axum, è un complesso monumentale di undici chiese, posto a 2.600 metri di quota sull’altipiano etiopico nella regione...
Approfondisci

Eugenio Goglio. Fotografo ritrattista

assignment_returned
Fondo Eugenio Goglio
Gli scatti di Eugenio Goglio, fotografo di Piazza Brembana vissuto a cavallo tra Otto e Novecento, documentano non solo la timida modernizzazione dell’alta Valle nell’importante periodo storico che vede il lento passaggio da civiltà contadina a quella industriale, ma sono anche preziosa testimonianza...
Approfondisci

Pepi Merisio

assignment_returned
Fondo Pepi Merisio
In morte dello zio Angelo In morte dello zio Angelo è il primo vero “racconto per immagini” realizzato da Pepi Merisio. Scattato nel 1963, questo servizio rappresenta una svolta nella carriera del fotografo bergamasco: è con In morte dello zio Angelo che Merisio vince la prima edizione del Premio...
Approfondisci

I giganti del mare

assignment_returned
Fondo Agenzia Viaggi Lorandi
Tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento il viaggio oltreoceano conosce la sua epoca d’oro: i grandi transatlantici solcano gli oceani, trasportando migranti in cerca di una sorte più favorevole e ricchi turisti in viaggio d’affari o di piacere. I giganti del mare sono destinati...
Approfondisci

Contaminazioni tra Occidente e Oriente

La fotografia giapponese trova la sua massima espressione nelle stampe della Scuola di Yokohama, la “Yokohama Shashin” ovvero la “fotografia in stile Yokohama”. Si tratta di stampe all’albumina minutamente colorate a mano, realizzate tra il 1868 e il 1912 circa.
Approfondisci

Bruno Frattini il mondo in pugno

Il pugile milanese Bruno Frattini (1898 – 1961) è il primo italiano a diventare campione europeo dei pesi medi nel 1924. Nella sua carriera di lottatore colleziona 79 incontri, 57 vittorie, 11 sconfitte e 9 pareggi. I suoi album fotografici testimoniano i numerosi viaggi compiuti tra Europa, Stati...
Approfondisci

Itala Bianzini e l’umanità dello sguardo

assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
Itala Bianzini, originaria di Cornalba (1 ottobre 1927 – 26 aprile 1987), appartiene al variegato mondo dei “dilettanti”, per i quali la fotografia è passione che accompagna la quotidianità. Se la fotografia professionale deve rispondere alle esigenze degli acquirenti, modulate soprattutto...
Approfondisci

Paolo Gaffuri tra arte tipografica e avventura editoriale

assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
Intorno alla lungimiranza tecnica e culturale di Paolo Gaffuri (1849 – 1931) si articola la storia appassionante di un’avventura editoriale senza pari, contraddistinta da una produzione di altissima qualità e di rilievo internazionale. L’arte tipografica a Bergamo ha avuto grazie a lui il suo...
Approfondisci

Enrico Tiraboschi e la Manica con stile

assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
Il nuotatore Enrico Tiraboschi, nato nel 1888 e discendente del garibaldino bergamasco Emanuele Maironi, in Argentina noto col nome di Enrique Tirabocchi, è stato il primo a portare a termine la traversata a nuoto del canale della Manica.
Approfondisci
library_books

Informazioni
Archivistiche

Segnatura: MSB.MOD
Titolo attribuito: Fondo Alfonso Modonesi [IN LAVORAZIONE]
description
consistenza
20.000: stampe in b/n
diapositive a colori: 100.000
negativi: 100.000
Info
Soggetto Produttore
person
Modonesi, Alfonso
vpn_key
Museo delle storie di Bergamo
Convento di San Francesco
p.zza Mercato del fieno, 6/A - 24129, Bergamo