Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Fondo Fausto Asperti [IN LAVORAZIONE]

folder_open
Fondo
descrizione soggetto
I soggetti rintracciabili all'interno dell'Archivio dello studio Foto Express rispecchiano l'attività svolta dal fotografo Fausto Asperti come titolare della bottega e come fotoreporter per il giornale della città "L'Eco di Bergamo". Si trovano così fotografati molti degli aspetti della vita di Bergamo e dei suoi cittadini, da quelli culturali e sociali a quelli politici, religiosi e sportivi. Non mancano i fatti di cronaca e le testimonianze dei cambiamenti urbanistici della città.
Numerose sono state le collaborazioni di Asperti con personalità di spicco, tra cui l'architetto Sandro Angelini, il restauratore Mauro Pelliccioli e l'allievo Sandro Allegretti, per i quali documenta le campagne di restauro. Tra i committenti dei servizi figurano anche le istituzioni e le associazioni del territorio come la Banca popolare di Bergamo, il Credito Bergamasco, l'Associazione commercianti, l'Associazione artigiani, la Camera di Commercio, la Biblioteca civica Angelo Mai, l'Accademia Carrara, solo per citarne alcuni.
indicazioni sull'oggetto
Si stima che il complesso archivistico sia costituito da più di 400.000 fototipi, articolati in tre nuclei distinti:
- negativi su lastra di vetro ereditati dalla famiglia Mauri;
- la Fototeca storica con il materiale fotografico collezionato dall'autore;
- negativi su pellicola, stampe e diapositive in bianco e nero e a colori prodotti da Asperti durante la sua attività di fotografo, dal 1957 al 2003, come titolare del negozio Foto Express di via San Francesco d'Assisi e come reporter per il giornale "L'Eco di Bergamo".
Il materiale prodotto da Fausto Asperti è a sua volta distinto in tre sezioni:
- 114 album dedicati a specifiche campagne fotografiche;
- circa 350 scatole in cartone divise per soggetto e contenenti materiale fotografico vario (negativi, stampe, lastre, etc.), oltre che documentario (per esempio di tipo pubblicitario o bibliografico);
- circa 320 scatole in cartone divise per anno e contenenti buste di negativi corrispondenti ai servizi fotografici scattati da Fausto Asperti.
La consultazione di quest'ultima sezione è agevolata dall'esistenza delle cosiddette "Rubriche": dal 1957 al 2003 Asperti compila 52 quaderni-inventario nei quali appunta per ciascun anno o biennio, in ordine alfabetico, il titolo del servizio realizzato e il numero di busta in cui reperire i fotogrammi.
In fase di condizionamento, inventariazione e catalogazione sono stati mantenuti i criteri di ordinamento assegnati dall'Autore. Nel Fondo sono individuabili tre serie corrispondenti a: "Archivio Mauri", "Fototeca" e "Foto Express". Quest'ultima serie figlia a sua volta in tre sottoserie: "Rubriche", "Scatole tematiche" e "Album".
La sottoserie "Rubriche" comprende 52 sottopartizioni coincidenti con l'organizzazione operata da Asperti del materiale fotografico prodotto tra il 1957 e il 2003. Ad ogni singola rubrica, identificata da un numero progressivo e dall'anno o biennio al quale si riferisce (es. Rubrica 1 AB - anni 1957-1958), corrisponde una scheda catalografica che figlia in schede servizio fotografico coincidenti con i servizi originariamente conservati in buste di carta all'interno delle scatole relative alla rubrica stessa. Le buste originali generalmente riportano sempre: un numero, che rappresenta il progressivo nella scatola; l'anno in cui è stato realizzato il servizio e, più raramente, il mese; l'indicazione del soggetto o dell'evento ritratto. Queste informazioni sono quelle trascritte dal fotografo e dai suoi collaboratori nelle 52 rubriche cartacee, secondo un criterio alfabetico per soggetto - sebbene non attraverso una soggettazione standardizzata -, consentendo la ricerca dei negativi all'interno della vasta produzione dell'archivio Asperti. Durante le fasi di riordino, condizionamento e inventariazione si sono riscontrate diverse lacune all'interno delle scatole pertinenti le "Rubriche", che risultano manchevoli di alcune buste trascritte nelle rubriche cartacee. In molti casi queste assenze sono da imputare a un lavoro di revisione dell'Archivio Foto Express da parte di Asperti o di suoi collaboratori che ha portato alla creazione di oltre 350 scatole tematiche nelle quali possono essere state spostate parte delle buste provenienti dalle "Rubriche".
La catalogazione del Fondo è attualmente concentrata sulla sezione denominata "Rubriche". Per ciascuna rubrica, corrispondente ad un'annata o ad un biennio, è stata effettuata dal personale del Museo una selezione dei servizi fotografici realizzati da Asperti. Ciascun servizio conserva un numero variabile di negativi, da poche unità fino ad oltre un centinaio a seconda della rilevanza dell'evento immortalato. Anche in questo caso si è proceduto con l'individuazione degli scatti più significativi per ogni servizio selezionato. A ciascun fotogramma è stato assegnato un numero di inventario del tipo ASP_1957-1958_122_1, in cui il valore "1957-1958" fa riferimento al biennio della rubrica, il numero "122" alla busta da cui proviene il servizio e l'"1" al numero di negativo.
La catalogazione ha seguito la normativa vigente e secondo criteri condivisi con il personale del Museo. In linea generale, i campi delle schede servizio fotografico, corrispondenti alle buste di ciascuna rubrica, sono stati così compilati:
- il "Titolo proprio" riporta l'annotazione sul soggetto o sull'evento ritratto presente sulla busta;
- al "Titolo attribuito" corrisponde un titolo assegnato dal catalogatore;
- la datazione riprende l'indicazione temporale riportata sulla busta e/o relativa alla rubrica, ma può essere stata ulteriormente circoscritta sulla base di un'analisi dell'evento o di elementi riscontrabili nelle fotografie. In alcuni casi è stata rilevata una discrepanza tra la data riportata dal fotografo e la data in cui un determinato evento è accaduto. Laddove presente tale discrepanza, se ne è data menzione nelle "Notizie storico critiche";
- la paternità degli scatti è stata assegnata allo studio fotografico Foto Express e a Fausto Asperti che, in quanto titolare della bottega, risulta come fotografo principale. Alcuni servizi sono stati realizzati dai collaboratori dello studio, in particolare dalla nipote Scilla Zanon, ma non è stato possibile distinguere le diverse l'autorialità.
La possibilità di indagare l'Archivio attraverso un sistema informatizzato si è rivelata essenziale per individuare all'interno dell'Archivio preziose documentazioni visive per la storia della città di Bergamo nella seconda metà del Novecento.
notizie storico critiche
Fausto Asperti nasce il 19 ottobre 1927 a Valtesse da Giuseppe Asperti e Andreina Mauri, appartenente a una famiglia di fotografi e discendente dei Mauri, il cui capostipite fu il trisnonno Giacomo (1825 ca.-1880). Alla fine degli anni Quaranta Fausto è avviato alla professione fotografica dallo zio Wells, col quale collabora affiancandolo nello studio di Piazza Pontida. Dopo i primi anni di apprendistato e formazione, alla fine degli anni Cinquanta è ormai autonomo e nel 1957 apre lo studio Foto Express in via San Francesco d'Assisi. Fondamentale è l'appoggio che Asperti riceve da don Andrea Spada (1908-2004), direttore del "L'Eco di Bergamo", quotidiano per il quale già lavora lo zio Wells. Grazie al sostegno di Spada, nel 1957 Fausto inizia la collaborazione col giornale della città e ne diventa il fotografo ufficiale fino al 1998. Documenta così con passione la vita sociale, politica, culturale, religiosa e sportiva della Bergamasca, tra cronache quotidiane, trasformazioni urbanistiche e avvenimenti d'eccezione.
La passione per la fotografia e l'interesse per la storia urbana lo portano ad utilizzare la macchina fotografica e la cinepresa con scopo documentario non solo in orario di lavoro ma anche nel tempo libero. Dalla fine degli anni Cinquanta, con Sandro Da Re, Domenico Lucchetti ed altri cineamatori produce filmati e servizi per le "Cronache Bergamasche", il cinegiornale a carattere locale sulla vita della città ideato dal "Cineclub Bergamo" per il quale il fotografo realizza produzioni di vario genere, sia individualmente che collettivamente.
Il Fondo Fausto Asperti è stato depositato in Museo nel 2012 da SIAD - Fondazione Sestini e fin da subito sono stati avviati i lavori sul materiale fotografico prodotto dallo studio Foto Express. La prima fase di lavoro si è concentrata sulla trascrizione informatizzata, all'interno di files excel, delle 52 rubriche cartacee pertinenti la sezione "Rubriche" per agevolare le ricerche per anno e per soggetto. Contestualmente si è proceduto con la trascrizione, sempre in un file excel, dei titoli tematici riportati sulle oltre 350 scatole relative alla parte di Archivio identificata come "Scatole tematiche", corredando le informazioni con un breve elenco del contenuto individuato durante questa fase di ricognizione. Un lavoro analogo è stato condotto sulla sezione degli "Album".

Info

event
Materiale datato al 1957 - 2003
category
materiale vario

in questa sezione

folder_open

Fondo Fausto Asperti [IN LAVORAZIONE]

Fondo
info
keyboard_arrow_down
crop_original

immagini

Storie d'archivio collegate

La fotografia bergamasca e i suoi pionieri: lo studio fotografico Taramelli

assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
Nel 1870 l’Esposizione Provinciale Bergamasca sceglie di esporre per la prima volta, accanto ai “Lavori di pittura, di scultura, di plastica, di architettura, di incisione, disegni d’ogni genere” e agli “Intagli in legno, tarsie”, alcuni “Lavori fotografici” allestiti in una sezione...
Approfondisci

I fotoracconti di Alfonso Modonesi

assignment_returned
Fondo Alfonso Modonesi
Gli scatti di Modonesi, già a partire dalla metà degli anni ’60, rivelano un linguaggio espressivo ben definito, seppur per un ragazzo allora solo ventenne. È il realismo italiano a condizionare le scelte fotografiche di Alfonso, ispirate dal grande reportage americano ed europeo di personalità...
Approfondisci

Il successo delle immagini stereoscopiche

assignment_returned
Fondo Fausto Asperti
assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
A cavallo tra Ottocento e Novecentole le fotografie stereoscopiche di celebri personaggi, panorami e monumenti di paesi lontani divengono una vera e propria moda che alimenta una fiorente industria di settore. Il suggestivo effetto di rilievo e profondità suggerito da queste immagini, se osservate attraverso...
Approfondisci

La nuova Gerusalemme di tufo vulcanico

assignment_returned
Fondo Fausto Asperti
In Etiopia, a metà strada tra la capitale Addis Abeba e Asmara, sorge la “nuova Gerusalemme”: Lalibela, patrimonio UNESCO dal 1978. Città sacra per gli etiopi, seconda solo ad Axum, è un complesso monumentale di undici chiese, posto a 2.600 metri di quota sull’altipiano etiopico nella regione...
Approfondisci

Eugenio Goglio. Fotografo ritrattista

assignment_returned
Fondo Eugenio Goglio
Gli scatti di Eugenio Goglio, fotografo di Piazza Brembana vissuto a cavallo tra Otto e Novecento, documentano non solo la timida modernizzazione dell’alta Valle nell’importante periodo storico che vede il lento passaggio da civiltà contadina a quella industriale, ma sono anche preziosa testimonianza...
Approfondisci

Pepi Merisio

assignment_returned
Fondo Pepi Merisio
In morte dello zio Angelo In morte dello zio Angelo è il primo vero “racconto per immagini” realizzato da Pepi Merisio. Scattato nel 1963, questo servizio rappresenta una svolta nella carriera del fotografo bergamasco: è con In morte dello zio Angelo che Merisio vince la prima edizione del Premio...
Approfondisci

I giganti del mare

assignment_returned
Fondo Agenzia Viaggi Lorandi
Tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento il viaggio oltreoceano conosce la sua epoca d’oro: i grandi transatlantici solcano gli oceani, trasportando migranti in cerca di una sorte più favorevole e ricchi turisti in viaggio d’affari o di piacere. I giganti del mare sono destinati...
Approfondisci

Contaminazioni tra Occidente e Oriente

La fotografia giapponese trova la sua massima espressione nelle stampe della Scuola di Yokohama, la “Yokohama Shashin” ovvero la “fotografia in stile Yokohama”. Si tratta di stampe all’albumina minutamente colorate a mano, realizzate tra il 1868 e il 1912 circa.
Approfondisci

Bruno Frattini il mondo in pugno

Il pugile milanese Bruno Frattini (1898 – 1961) è il primo italiano a diventare campione europeo dei pesi medi nel 1924. Nella sua carriera di lottatore colleziona 79 incontri, 57 vittorie, 11 sconfitte e 9 pareggi. I suoi album fotografici testimoniano i numerosi viaggi compiuti tra Europa, Stati...
Approfondisci

Itala Bianzini e l’umanità dello sguardo

assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
Itala Bianzini, originaria di Cornalba (1 ottobre 1927 – 26 aprile 1987), appartiene al variegato mondo dei “dilettanti”, per i quali la fotografia è passione che accompagna la quotidianità. Se la fotografia professionale deve rispondere alle esigenze degli acquirenti, modulate soprattutto...
Approfondisci

Paolo Gaffuri tra arte tipografica e avventura editoriale

assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
Intorno alla lungimiranza tecnica e culturale di Paolo Gaffuri (1849 – 1931) si articola la storia appassionante di un’avventura editoriale senza pari, contraddistinta da una produzione di altissima qualità e di rilievo internazionale. L’arte tipografica a Bergamo ha avuto grazie a lui il suo...
Approfondisci

Enrico Tiraboschi e la Manica con stile

assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
Il nuotatore Enrico Tiraboschi, nato nel 1888 e discendente del garibaldino bergamasco Emanuele Maironi, in Argentina noto col nome di Enrique Tirabocchi, è stato il primo a portare a termine la traversata a nuoto del canale della Manica.
Approfondisci
library_books

Informazioni
Archivistiche

Titolo attribuito: Fondo Fausto Asperti [IN LAVORAZIONE]
description
consistenza
materiale vario: 400.000 circa
Info
Soggetto Produttore
inbox
Foto Express (studio fotografico)
person
Asperti, Fausto
vpn_key
Museo delle storie di Bergamo
Convento di San Francesco
p.zza Mercato del fieno, 6/A - 24129, Bergamo