Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Fondo Itala Bianzini

folder_open
Fondo
descrizione soggetto
Scene di vita quotidiana, ritratti e scatti artistici eseguiti da Itala Bianzini, insegnante e fotografa dilettante.
indicazioni sull'oggetto
Il fondo è costituito da stampe di vario formato, fra le quali un aristotipo (inv BIA-1) e 43 provini tecnici, e da negativi cm 3x4 in striscia (conservati nelle apposite buste da consegna): il materiale è giunto conservato in scatole e buste; sulle unità di conservazione sono presenti varie indicazioni manoscritte della fotografa relative a titoli di serie e scatti, a volte accompagnati dalla data della ripresa. A questi si aggiungono 17 buste vuote che riportano a volte indicazioni manoscritte recanti informazioni utili al trattamento di alcune serie (ad es. per identificare delle serie contenute in altre unità, come "Bimbi") e un fascicolo intestato a Itala Bianzini contenente documentazione cartacea a stampa, volantini pubblicitari e il poster ripiegato di una mostra fotografica: le buste vuote e parte del materiale cartaceo sono disponibili come allegati digitali a questa scheda di fondo.
Le fotografie hanno spesso un titolo o un numero, in caso di stampe riportato al verso; si trovano anche dei timbri relativi alla partecipazione della fotografa a mostre locali e nazionali, generalmente accompagnati da un indirizzo di residenza.
Diversi scatti sono stampati in due o più copie; in alcuni casi al verso di copie del medesimo scatto si trovano titoli diversi o indicazioni di partecipazione a mostre.
Il fondo è articolato in 40 serie, alcune delle quali divise in sottoserie che rispecchiano generalmente il soggetto delle fotografie. Fra i temi principali affrontati dalla fotografa si segnalano:
- serie relativa a un suo studente disabile, Giacomo, ritratto sia in ambito scolastico sia in attività quotidiane;
- vacanze e viaggi;
- eventi sportivi: FARI (Federazione Attività Ricreative Italiane, 1949-1972, fondata dalla Gioventù Femminile dell'Azione Cattolica nel 1944); Strabergamo;
- eventi cittadini, come ad esempio i festeggiamenti in occasione del carnevale;
- ritratti di bambini, anziani, religiosi;
- fotografie dedicate a lavori manuali: liutai, legnaioli, arrotini…;
- centri montani.
Al termine dei lavori risultano create in totale 573 schede, di cui 69 schede alte. Si segnala che in caso di esemplari stampati in più copie è stata generata una scheda descrittiva solo se inseriti in serie diverse: altrimenti è stata prodotta una scheda unica recante in nota (osservazioni) la dicitura: "esemplare stampato in n.2 copie" o "esemplare stampato in n.3 copie". Alla luce di questo il fondo è costituito da 668 positivi su carta, dei quali 130 sono duplicati non trattati.
I titoli e l'organizzazione delle serie sono completamente ascrivibili alla fotografa, fatta eccezione per la serie [Provini tecnici, negativi, stampe di prova], che raccoglie 7 buste ospitanti negativi, provini tecnici e stampe di prova con soggetti vari. La fotografa annota ciascuna busta fornendo l'indicazione di data e una sommaria descrizione di soggetto. In sede di riordino si è stabilito di creare una sottoserie per ogni busta, una ulteriore sottoserie per ciascuna delle tre tipologie di materiale e infine si è predisposta una scheda servizio rispettando le intitolazioni attribuite dalla fotografa stessa: le pellicole negative sono state trattate considerando la striscia e non il singolo fotogramma, specificando i contenuti di ciascuna porzione e evidenziando eventuali peculiarità degli scatti.
Ciascuna scheda di serie è corredata di scansioni digitali delle buste ospitanti le fotografie.
Le schede di ciascun documento riportano l'intitolazione propria del soggetto produttore, rinvenuta al verso delle stampe, sulle buste per negativi o sulle buste di cartone arancione; nei casi di assenza di tale dato è stato attribuito dai catalogatori un titolo.
Alcune fotografie ricorrono in serie diverse: in questi casi è stato creato un legame tra le schede descrittive, dandone conto in nota.
Al termine dei lavori si è provveduto al riordino delle serie in base ad un criterio cronologico: all'interno delle serie invece è stato mantenuto l'ordine di reperimento dei pezzi, in assenza di riferimenti ulteriori attribuibili alla fotografa.
notizie storico critiche
Itala Maria Bianzini (Cornalba 1/10/1927 - Bergamo 26/04/1987) è stata una fotografa dilettante, insegnante di scuola differenziale a Bergamo. A seguito dell'emanazione della Legge n. 118/1971 che prevedeva l'inserimento degli allievi con disabilità lieve nelle classi comuni della scuola dell'obbligo, lei continua a lavorare con ragazzini disabili e documenta le attività di psicomotricità svolte presso la scuola elementare A. Locatelli (Bergamo).
Il fondo attesta la partecipazione della fotografa ad alcune mostre; si segnalano:
- "Mostra nazionale di fotografia artistica", organizzata dal Centro provinciale sussidi audiovisivi [1966];
- "XXIV mostra fotografica del dilettante", organizzata presso l'Oratorio dell'Immacolata dal Circolo Greppi (dicembre 1970);
- "XXV mostra fotografica del dilettante", organizzata presso l'Oratorio dell'Immacolata dal Circolo Greppi (dicembre 1971);
- "Donna ‘75", mostra tenutasi a Savona; la Bianzini vinse il primo premio con scatti intitolati "Vita coniugale", sui quali si trova la data 16/11/1975;
- "Mostra fotografica città di Romano";
- "Premio Medusa d'Oro", organizzata dall'Accademia internazionale di arte moderna (?) [post-1978].
In riferimento alla partecipazione di Itala Bianzini a concorsi e mostre si segnala che la fotografa ha partecipato a numerose edizioni dei concorsi promossi dal Circolo Greppi, conseguendo diversi risultati:
- 1966 3° premio, con lo scatto "Signora con fuso";
- 1968 1° premio ex-aequo con lo scatto "Partita di pallacanestro" (presenti nelle serie "F.A.R.I. Pallacanestro" e "Parabola ludica");
- 1969 2° premio con lo scatto "Cavallerizzo con torero" dal complesso "Spagna69", che non è testimoniato da questo fondo;
- 1971 partecipa ma non ottiene alcuna menzione o premio con "4 età: una vita".
bibliografia in rete

Info

archive
Raccolta Domenico Lucchetti
event
Materiale datato al [sec. XX, fino alla fine degli anni '80]
category
materiale vario

in questa sezione

folder_open

Fondo Itala Bianzini

Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down
Serie
info
keyboard_arrow_down

E altre 20 schede

Mostra altre schede
crop_original

immagini

Storie d'archivio collegate

Itala Bianzini e l’umanità dello sguardo

assignment_returned
Raccolta Domenico Lucchetti
Itala Bianzini, originaria di Cornalba (1 ottobre 1927 – 26 aprile 1987), appartiene al variegato mondo dei “dilettanti”, per i quali la fotografia è passione che accompagna la quotidianità. Se la fotografia professionale deve rispondere alle esigenze degli acquirenti, modulate soprattutto...
Approfondisci
library_books

Informazioni
Archivistiche

Segnatura: MSB.LUC.BIA
Titolo attribuito: Fondo Itala Bianzini
inbox
fondo di appartenenza
Raccolta Domenico Lucchetti
Esplora il fondo
description
consistenza
scatole: 13
buste: 56
fascicoli: 1
positivi su carta: 668
negativi su pellicola: 152 strisce
Info
Soggetto Produttore
person
Bianzini, Itala Maria
vpn_key
Museo delle storie di Bergamo
Convento di San Francesco
p.zza Mercato del fieno, 6/A - 24129, Bergamo
edit
Alessandra Veronese, Nadia Bassis
attach_file

Allegati